Quaderni

Quaderni

Il Corpo Italiano di Liberazione ed Ancona. Il tempo delle oche verdi e del lardo rosso. 1944

Il Corpo Italiano di Liberazione ed Ancona. Il tempo delle oche verdi e del lardo rosso. 1944
Società Editrice Nuova Cultura, Roma 2014, 350 pagine euro 25. Per ordini: ordini@nuovacultora.it. Per informazioni:cervinocause@libero.it oppure cliccare sulla foto

Cerca nel blog

giovedì 29 ottobre 2015

Una nuova iniziativa. Mostra Itinerante ad Aprilia

CENTENARIO GRANDE GUERRA :  “UN RICORDO PER LA PACE”

UNA MOSTRA ITINERANTE NEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE DI APRILIA


Una mostra itinerante sulla Grande Guerra negli Istituti di Istruzione di Aprilia : è questa la proposta culturale di Elisa Bonacini, presidente dell'Associazione “Un ricordo per la pace” che ha comunicato il progetto dell'iniziativa nella data particolare del 23 ottobre. Fu quello il giorno che vide ben 100 anni fa il nonno Giuseppe Bonacini con il suo gruppo di temerari e patriottici Volontari Ciclisti Automobilisti affrontare vittoriosamente gli austriaci in una delle prime battaglie della Prima Guerra mondiale sulle Api Venete per la conquista dell'importante posizione strategica del “Dosso Casina”(nella catena del Monte Baldo).
Il nuovo progetto di mostra itinerante per cui è stato già richiesto il logo ufficiale del Governo Italiano per le commemorazioni del Centenario della Grande Guerra (1914- 1918) si inserisce nel programma dell'Associazione “Un ricordo per la pace” che dal 2011 opera autonomamente nel territorio di Aprilia e della Provincia di Latina, senza il supporto di alcun contributo economico, per divulgare la storia e la sofferenze causate dalle guerre mondiali attraverso una intensa attività di  raccolta di testimonianze, reperti, foto e la realizzazione di numerosi video tematici.
Le finalità della nuova iniziativa della mostra itinerante vuole andare a coinvolgere capillarmente tutti gli studenti di Aprilia ed i cittadini del territorio nella conoscenza del percorso che ha portato l'Italia al raggiungimento dell'Unità Nazionale.
La proposta dell'Associazione sarà ora sottoposta tramite richiesta formale alle segreterie dei vari Istituti di Istruzione apriliani, a partire dalle Scuole Primarie.
Durante gli incontri con i ragazzi delle Scuole apriliane, le cui date saranno concordate con i Dirigenti dei vari Istituti attraverso richiesta formale dell'Associazione, saranno esposti alcuni cimeli della Grande Guerra dalla raccolta storica di Ostilio Bonacini, tra cui la bandiera del Regno d'Italia, l'elmetto e la borraccia del fante, ed altri oggetti utilizzati dalle truppe nei vari fronti.
Il programma prevede la proiezione di fotografie tratte dall'AlbumIMPRESSIONI DI GUERRA” di Giuseppe Bonacini, volontario nel Battaglione Lombardo Volontari Ciclisti Automobilisti (V.C.A.) nel 1915, agli esordi della 1a Guerra Mondiale. Le foto storiche sono state pubblicate nel volume “IMPRESSIONI DI GUERRA” - L'ardore patriottico dei Volontari Ciclisti Automobilisti del 1915, (a cura di Elisa Bonacini) che si è fregiato del Logo ufficiale del Centenario della prima guerra mondiale e che è stato esposto  nel maggio di quest'anno al Salone del libro di Torino nella sezione della Presidenza del Consiglio – Struttura di Missione dedicata alla Grande Guerra.
Gli studenti, per una “full immersion” nella Pima Guerra Mondiale potranno assistere anche alla proiezione del video - documentario realizzato dall'Associazione apriliana :  4 novembre 1918: la grande vittoria italiananel quale è narrato il sofferto percorso di guerra dell'Italia dal maggio 1915 al 4 novembre 1918, quando il Generale Armando Diaz annunciò la straordinaria vittoria e la fine della guerra.
Il video è un omaggio a tute le Armi che parteciparono al primo conflitto mondiale tra cui i coraggiosi fanti, gli intrepidi e dinamici bersaglieri, gli straordinari alpini, che operarono sulle vette ghiacciate delle Alpi in condizioni “al limite del possibile”.
A conclusione del filmato le commoventi immagini del viaggio della salma del Milite ignoto, scelto ad Aquileia (Udine) tra 11 bare di militi senza nome da Maria Bergamas, una mamma che aveva avuto il figlio disperso in guerra. Il feretro venne trasportato in treno da Aquileia a Roma, seguito nel suo percorso da migliaia di persone in ginocchio; venne tumulato presso l'Altare della Patria il 4 novembre 1921.

Il video 4 novembre 1918: la grande vittoria italiana è stato realizzato esclusivamente per finalità di divulgazione culturale. Gli Istituti d'Istruzione interessati potranno richiederne una copia su dvd all'Associazione Un ricordo per la pace.

Nessun commento: